martedì 8 ottobre 2019

Lele d'Amazzonia

Sei dentro al Sinodo per ispirare Francesco con i padri e le madri sinodali.
Sei con noi Lele attraverso la voce di tuo fratello Antonio, il tuo compagno di cammino Giovanni, la tua amica Antonietta, il vescovo Roque, il tuo parroco Franco.
E la voce di tanti indigeni che la Chiesa vuole finalmente ascoltare.
Perche' la.novita' dello Spirito arriva dalle periferie della storia.
Grazie perche' ci siamo presi per mano nel nome di Gesu' di Nazaret e nel tuo nome.
Ci siamo tolti le scarpe come segno di calpestare una terra sacra.
Abbiamo baciato la tua maglietta insanguinata.
Avanti sempre companero Lele!

sabato 5 ottobre 2019

Ama terra, acqua, popolo, Dio...Amazzonia!

Vangelo ribelle sulle strade del mondo

Che meraviglia questa sera la veglia di preghiera con gli indigeni dell'Amazzonia in preparazione al Sinodo.
Nella chiesa della Transpuntina a Roma sono risuonati i canti degli indigeni e i suoni della foresta, i sogni e le lotte delle comunita' indigene che sperano un futuro radicalemente diverso. Dove si rispettano persone, acqua, terre dell'Amazzonia.

Abbiamo ascoltato le parole dei martiri della terra e della giustizia... Doroty Stang, Lele Ramin, Chico Mendez.
Poi le parole profetiche di padre Pedro Barreto vescovo della terra sacra del Peru' e suor Laura Vacuna minacciata di morte in Amazzonia.

Abbiamo toccato con mano il Dio degli indigeni, dal volto indigeno. Dio delle vittime e degli ultimi..degli scarti della terra minacciata al suo polmone principale.
Il Dio schierato con i piu' deboli che sono un tutt' uno con la natura. Fratelli e sorelle indigeni che sono terra, acqua, foresta.

Per essere seguaci di Gesu di Nazatet oggi nel mondo ci vogliono dei fuori di testa.
Ribelli al sistema economico che uccide. Ma anche ribelli contro lo sfruttamento di madre terra per costruire un ecologia integrale.

 Ribelli nella Chiesa per dare voce e spazio alle donne, ai vari servizi e ministeri, ai preti sposati.

Servono appassionati squilibrati senza misura. Con nel cuore Gesu', Vangelo, poveri e il sogno del Regno.

C'e' fame e sete urgentissima di matti da legare capaci di mollare tutto per inseguire il sogno della vera felicita'.
Come amava ripetere Lele Ramin martire della terra e degli indigeni Surui in Amazzonia:
" Abbiate un sogno. Abbiate un bel sogno. Una vita che ha un sogno e' una vita che si rinnova di giorno in giorno. E' bello sognare di rendere felice tutta l'umanita'".

Avanti col coraggio del rischiare l'osso del collo per il Vangelo!
Solo allora sara' un buon mese missionario.

sabato 10 agosto 2019

Notizie altre...


Cerco si attirano più like e consensi attorno a notizie sulle beghe della crisi italiana.
Per me le vere notizie dal mondo sono che la Open Arms continua a salvare vite umane nel Mediterraneo, lo Zimbabwe é a terra in piena crisi che affama il popolo, il Sud Sudan é ancora alle prese con un terribile conflitto su cui guadagnano i signori del petrolio, in Libia si accentua la guerra tra il generale Hafatar e El Serraj, che all'est del Ciad i conflitti intercomunitari tra allevatori e agricoltori hanno fatto in questi giorni 37 morti, che finalmente in Sudan si é firmato un accordo di pace tra militari e civili, che in Etiopia si piantano milioni di alberi.

Quando cominceremo a guardare il mondo con occhi altri?

mercoledì 7 agosto 2019

Riscossa popolare

Ora e' tempo di rimetterci in piedi a testa alta. Senza arretrare. Con ma
ssima dignita'. Recuperando ogni attimo centimetri e centimetri di umanita' smarrita. Denunciando ogni atto di sopruso verso gli ultimi, resistendo in modo nonviolento ad ogni tentativo di sopraffazione razzista.
Col sorriso e con tenerezza sovversiva.
Sulla terra nessuno e' straniero.

martedì 6 agosto 2019

E ora disobbedienza!


Sento il voltastomaco!
Dopo dieci anni in Ciad ritorno in Italia in terra ormai a me molto più straniera. Non riconosco più quello che sta accadendo. Non accetterò mai che si chiuda l'umanità verso chi mi ha aperto tutto là in Africa.
Guardo verso il mare e sento che il Dio di Gesù di Nazaret é là sui barconi e non a Milano marittima. Annegato in mare, più di 800 fratelli e sorelle dall'inizio dell'anno, e non scanzonato a ballare su una spiaggia con cubiste.

La vita viene prima di tutto. E va difesa anche se le leggi dicono il contrario. Per farlo resta solo la disobbedienza nonviolenta e civile. Come rispondeva Martin Luther King a chi gli chiedeva con quale diritto decidesse di violare la legge. 

Come potete propugnare la violazione di alcune leggi e l’osservanza di altre? La risposta sta nel fatto che ci sono due tipi di leggi: giuste e ingiuste. Abbiamo la responsabilità morale di disobbedire alle leggi ingiuste: io concordo con Sant’Agostino nel ritenere che “una legge ingiusta non è legge”. Come si fa a stabilire se una legge sia giusta o ingiusta? Una legge che eleva la personalità umana è giusta; una legge che degrada la personalità umana è ingiusta".

domenica 9 giugno 2019

Pentecoste di coraggio!

Spirito altro e grande abbiamo sete di te!

In Italia, in Europa e nel mondo...
Trattiamo meglio gli animali degli esseri umani. Cagnoni sempre piu' grossi popolano le strade d'Italia e le vetrine per i loro alimenti si moltiplicano. Mentre i migranti cacciati fuori dai centri faticano sulle strade. Mentre 871 milioni di persone al mondo sono sull'orlo della fame.
Stiamo perdendo la bussola!
Chiamiamo i nostri fratelli e sorelle "di colore", "extracomunitari", del "terzo mondo"...

Ma scusami bene Spirito grande di vita: c'e' qualche essere umano che non ha colore sulla terra?
C'e' qualcuno che non puo' star dentro la comunita' umana?
Chi si arroga il diritto di dare un ordine a diversi mondi (primo, secondo,terzo)?

Spirito grande e altro, tu che proteggi l'uomo, giro per le chiese e vedo che il Santissimo Sacramento e' conservato in tabernacoli con doppia chiave.
E perche' non proteggiamo anche il Santissimo sacramento fratello e sorella rom sulla strada? O il Santissimo sacramento del fratello e sorella migrante nelle piazze d'Italia?

Dai Spirito grande e altro spazza via razzismo, esclusione e fascismo.

Fai ardere nel mondo i cuori di gente umana che rischia, lotta, spera e da' la vita per restituire un orizzonte di giustizia a questa nostra pazza umanita'!

lunedì 27 maggio 2019

E' possibile solo...

E' possibile soltanto vivere da umani sulla terra. Tra bandiere colorate, canti, poesie e danze dal mondo, piatti tipici da ogni angolo della terra...volti che si incrociano e si abbracciano. Di tutte religioni, culture, colori della pelle.

Sabato sera in Piazza Garibaldi a Parma nella serata " E' piu' bello insieme" e ieri, domenica elettorale, a villa Buri a Verona nella festa dei Popoli.

Non ci fa paura la vittoria elettorale dei fascisti. Non ci fa paura questo odio dilagante. Siamo in piedi per resistere. Nella nonviolenza. Senza rinunciare al sogno collettivo di cambiare il mondo...

Determinati ora e sempre piu' che mai. Perche' l'ultima parola non l avra' l'odio e la paura. Saranno sempre e soltanto coraggio e vita...